Celebrare Navaratri

Che cosa è Navaratri?

“Siamo tutti intrappolati nelle illusioni mondane; le nostre menti sono coinvolte in questa maya. Per sbarazzarsi di questa illusione, la gente celebra la festività chiamata Navaratri “. Swami Premananda

Ogni anno nello Sri Premananda Ashram, si celebra una festa in cui adoriamo l’aspetto femminile o materno del Divino. Questa ricorrenza è nota come, “Navaratri”, che significa nove notti. Durante questa festa, nello Sri Premananda Ashram, i devoti prendono parte a un antico rituale dedicato alla Madre Divina chiamato abhishekam; anche se, nell’Ashram questa cerimonia è eseguita ogni sera dell’anno, in questo periodo, è considerata particolarmente potente. Le sono offerti fiori freschi e ingredienti puri come curcuma, latte e acqua di rose, mentre sono cantati sacri mantra. Navaratri è considerato un momento molto propizio, in cui ogni personale sadhana può essere rafforzata e approfondita. A Swamiji piaceva particolarmente, celebrare questa festa per adorare la Madre Divina.

“Sedete in silenzio e pregate che la Madre vi illumini il cuore e la mente. Chiedetele di non nascondere il suo bel viso dietro l’esteriorità del mondo sensuale. Chiedetele di venire e rimuovere le falsità. Chiedetele di sorridere su di noi e porre fine a tutte le illusioni di cui soffriamo. Chiedetele di rivelare anche solo una frazione della Sua vera natura, per aiutarci nel cammino spirituale”.

Durante i primi tre giorni della ricorrenza, preghiamo la Madre Divina nella forma della Dea Durga. Durante i successivi tre giorni, la preghiamo nella forma della Dea Lakshmi e, negli ultimi tre giorni, come la Dea Saraswati. Ogni giorno, è eseguita anche una breve puja alla dea Durga, mentre cantiamo in Tamil, i 108 nomi della Madre Divina. Ogni giorno preghiamo la Divina Madre perché rimuova le nostre tendenze egoistiche e negative e ci conceda la sua grazia. Il decimo giorno della festività è chiamato Vijayadasami. In questo giorno celebriamo la vittoria della Shakti (la luce divina) su tutte le forze negative e l’ignoranza.

“Shakti, la Divina Madre, è la coscienza infinita, dove non c’è dolore, nessuna amarezza, senza lacrime, senza pensieri, senza lotte e nessun desiderio. La Madre è lì che vi aspetta tutti, a braccia aperte. In questo giorno, lasciate andare tutti i vostri pensieri e trovate pace riposo in Lei. Penso a Lei dalla mattina alla sera e vi posso assicurare che Lei vi darà sublimi e abbondanti benedizioni.”

Swami Premananda


Durga, Lakshmi, Saraswati

durga-premanandaDurga

“Durga personifica il potere. Meditare su di lei ci aiuta a coltivare coraggio e a distruggere la menzogna.” Swami Premananda

Durga distrugge, ma lo fa per salvare, per costruire. Senza pietà per il nostro ego, Lei distrugge tutte le nostre imperfezioni. Elimina l’ignoranza al fine di instaurare la conoscenza e annienta le tenebre per ripristinare la luce. Per sviluppare le nostre buone qualità, dobbiamo prima eliminare i nostri difetti. Abbiamo bisogno di una base stabile su cui costruire. Se preghiamo Durga, la sua energia divina interverrà praticamente nella nostra vita per aiutarci a farlo. Per mezzo dell’auto-analisi dobbiamo diventare consapevoli delle tendenze negative, se vogliamo riuscire a distruggere le nostre caratteristiche indesiderate. Abbiamo bisogno di praticare l’introspezione. Se non sappiamo con precisione i difetti che abbiamo, come potremmo eliminarli? Se, essendo venuti a conoscenza dei nostri difetti, non facciamo nulla, rimarranno semplicemente con noi. Abbiamo bisogno di ferma determinazione e della volontà incrollabile di distruggere le caratteristiche del nostro ego. Se non abbiamo completamente sradicato tutti i nostri difetti, si ripresenteranno con la minima perturbazione che arriva. La Madre, sotto forma di Durga, è disposta ad aiutarci in questa prima fase.

Lakshmi

lakshmi-premananda

“Lakshmi personifica l’amore, la bellezza e la premura. Meditare su di lei aiuta ad aumentare la luce spirituale in se stessi e nel mondo e a comportarsi con compassione e gentilezza.” Swami Premananda

Lakshmi viene dalla parola Laksme che in sanscrito significa obiettivo, e questo indica che lei rappresenta le qualità, che bisogna sforzarsi di ottenere, per raggiungere l’obiettivo finale della liberazione spirituale. Anche se quest’obiettivo è comunemente frainteso e considerato unicamente per il raggiungimento di obiettivi materiali (accumulo di ricchezza, potere, ecc.) lei gentilmente esaudisce questi desideri, ma la vera ricchezza che Lakshmi è in grado di offrire è la comprensione che l’unico valore reale, degno di essere acquisito, è la ricchezza interiore. Così, attraverso lo sforzo diligente guidato dalla sua saggezza divina, Lakshmi ci insegna che, attraverso la sua grazia, siamo in grado di prosperare notevolmente sia sul piano materiale che spirituale. Sri Lakshmi è l’amrita di tutta la creazione, la personificazione di tutto ciò che è puro, elevato e luminoso. Possiamo notare la sua presenza nella naturale bellezza della rigogliosa fioritura nell’Ashram e nella ricchezza della guida spirituale e di amore che trabocca dal cuore di Swami Premananda!

Saraswati

Saraswati-premananda

“Saraswati personifica l’amore e la saggezza. Meditare su di lei ci aiuta a prendere contatto con la nostra saggezza interiore e a renderci conto che il Divino è ovunque: in tutti gli esseri e gli oggetti.” Swami Premananda

Saraswati ci aiuta a entrare in sintonia con la nostra saggezza interiore e a purificare le nostre menti. Pregare e meditare su di Lei durante Navaratri, rende possibile immergersi lentamente nella realtà suprema, nella verità assoluta. Le persone pregano la dea Saraswati affinché li aiuti negli studi e nello sviluppo della loro espressione personale attraverso le arti creative, essendo Lei l’incarnazione della pura conoscenza. Saraswati ci aiuta a sviluppare la discriminazione, che è una qualità essenziale sul sentiero spirituale. È raffigurata con un abito bianco essendo Lei purezza assoluta.


 Durga Puja

Durante il festival dei nove giorni di Navaratri, adoriamo Dio nella forma della Madre Divina. Nell’Ashram facciamo ogni giorno una puja alla forma della Divina Madre conosciuta come Durga. La Dea Durga è considerata una personificazione del potere divino. Fare una puja ogni giorno a Durga durante Navaratri è particolarmente vantaggioso e ci aiuta a superare le tendenze molto negative. Anche voi potete eseguire questa breve puja durante i nove giorni della celebrazione di Navaratri, o ogni volta che vi sentite di farlo.

Procedura della Durga Puja
  • Prendere cinque limoni freschi, tagliateli a metà e spremetene il succo.
  • Mescolate del jaggery al succo di limone ricavato, in una coppa per la puja, per addolcirlo.
  • Rivoltate nove mezzi limoni dentro – fuori e disponetene otto metà su un piatto a formare un cerchio e uno nel mezzo.
  • Riempiteli con del ghee.
  • mettete uno stoppino in ogni mezzo limone.
  • Accendete dell’incenso e mettetelo di fronte ad una foto o ad una statua di Durga.
  • Accendete gli stoppini dei mezzi limoni.
  • Accendete una lampada arati, ondeggiatela di fronte alla foto e concentratevi sulla Madre Durga.
  • Sedete e cantate il mantra Om Durgaya Namaha 21 volte, mentre offrite fiori e kumkum (se siete da soli a fare la puja potete semplicemente offrire i fiori).
  • Rompete la noce di cocco e ponete ciascuna metà ai lati della foto.
  • Offrite il succo di limone e jaggery come prasadam.
  • Offrite fiori e acqua.
  • Terminate mostrando l’arati a Durga.

Nota: È anche possibile fare una puja più breve, senza l’offerta della noce di cocco

Sono necessari i seguenti componenti:

– Una bella foto / statua di Durga
– Un piatto
– 9 mezzi limoni freschi
– Coltello per rompere il cocco
– Una tazza di succo di limone con il jaggery per addolcirlo
– Stoppini
– Ghee
– 1 noce di cocco fresca
– Fiori freschi da offrire
– Kumkum

Sri Premananda Ashram © 2019. All Rights Reserved