La grandezza del tempio di Rameshwaram

(Questo è un estratto del satsang che Swamiji ha tenuto nel 1993 nell’Ashram, dopo il rientro da Rameshwaram, per una cerimonia funebre tradizionale in onore di un devoto.)

Voglio parlarvi dello scopo della nostra visita a Rameshwaram. È un tempio molto potente e ci sono molte storie a proposito di quest’antico luogo di culto. Raccontarvele tutte, richiederebbe molto tempo; voglio solo menzionarvene brevemente una. Vi racconterò della connessione tra lo Sri Lanka e Rameshwaram. Il nesso è che Ravana, che governò lo Sri Lanka, era un grande devoto di Shiva. Sebbene fosse un grande devoto di Shiva, per lui venne il tempo di morire.

Ravana era un devoto di Shiva che aveva ricevuto grazie dal Signore Shiva in persona, tuttavia, si presentò un problema tra lui e Sitha. È una storia grandiosa e anche molto significativa. Accadde così che Ravana rapì Sitha e la portò in Sri Lanka. Furono la rabbia e il malinteso a far succedere questo episodio. Ravana portò Sitha in Sri Lanka e la tenne in un luogo ora chiamato Sitha Eliya. Ravana non era una cattiva persona – era un grande devoto di Shiva – diretto, veritiero e giusto. Cadde vittima dell’attaccamento di sua sorella [a Rama]. Commise l’errore di ascoltare sua sorella, Surpanakai. Allo scopo di portare Sitha indietro in India dallo Sri Lanka, il Signore Rama andò a Rameshwaram da dove attraversò l’oceano. Ne scaturì una guerra, nella quale Rama uccise Ravana. Quando, ferito gravemente da Rama, Ravana spiegò le sue vere intenzioni a Rama. Rama si rese conto che Ravana non aveva nessuna colpa. Riconobbe in Ravana un grande devoto di Shiva, che aveva ricevuto grazie direttamente dal Signore Shiva e che ucciderlo era stato un errore. Qui, devo aggiungere qualcosa, per favore capite bene… dovreste sapere che – se siete veri devoti del Signore – neanche un avatar può danneggiarvi; nessuno può nuocervi. Perché? Perché avete fiducia completa nel Divino. Se avete fiducia nel Divino – persino gli avatar potrebbero dover chiedere perdono al Divino [se tentassero di danneggiarvi].

Così, è per questa ragione che, dopo aver realizzato il suo errore, Rama creò i pozzi [che ora fanno parte del Tempio di Rameshwaram] ed eseguì una puja a Shiva; per chiedere perdono del suo errore. Per realizzare questa puja chiese ad Hanuman di prendere un lingam da Kasi. Hanuman tardava a tornare, così Sitha modellò un lingam dalla sabbia. Rama, assistito da Lakshmana, fece una puja a questo lingam. A causa di questa puja che i tre eseguirono, si dice che questo luogo divenne più potente perfino di Kasi. In realtà, Rama eseguì un’atma shanti puja in nome di Ravana. Nei Veda si dice che chiunque, in questo posto, chieda che l’anima di qualcuno, dopo il suo trapasso, ottenga uno stato pacifico – sarà concesso. Questa è la grandezza di Rameshwaram. (…)

Ora potete capire perché Rameshwaram è un grande tempio – dai tempi di Rama e Ravana. Rama stesso creò questo tempio. Lui non era una persona comune ma un avatar. Pensate – è un posto in cui un avatar in persona ha eseguito una Shiva puja. Non solo, anche Swami Vivekananda ha visitato questo posto e si è bagnato in queste acque benedette; i 63 Nayenmar; i 18 Siddha e anche molti altri grandi esseri. Quindi, siete tutti fortunati a visitare un posto come questo. Quando venite in India, è buono andarci con venerazione e riceverete i benefici e la grazia da questo sacro luogo.

Sri Premananda Ashram © 2019. All Rights Reserved