Festività religiose

In Sanscrito nava- significa nove e ratri- significa notte (proprio come per Shivaratri – la notte di Shiva) così, secondo la tradizione, durante questi dieci giorni consacrati alla Madre divina, celebriamo un rituale di adorazione per chiedere la sua grazia e la sua benedizione. In sanscrito riti significa “ritorno alla fonte”. Pertanto attraverso il rituale acquisteremo la capacità di tornare alla nostra origine divina, riscoprendo il Divino in noi stessi…

Leggi di più

Quando Swamiji viveva nell’ashram, i devoti erano molto fortunati di poter fare la Pada Puja a lui personalmente. Swamiji disse: “Nel corso di una Pada Puja, si può toccare i piedi del maestro. Attraverso la sua grazia ed i poteri straordinari – può rimuovere il vostro karma, malattie e difficoltà che vi avrebbero colpito per molte vite.

Leggi di più

Navaratri è una festività di nove giorni, durante i quali sono adorati quotidianamente i vari aspetti della Madre Divina. Per saperne di più su questa ricorrenza visitate: “Archivio – feste religiose”.

“La grazia della Madre è senza limiti come la Sua misericordia. Impiegate il periodo di Navaratri per ottenere la Sua grazia amorevole. Che la Madre Divina possa trasformarci in un vaso pieno della Sua pace, saggezza e gloria. Om Om Shakti.”Sami Premananda

Nel seguente satsang, Swami parla di come pregare la Madre Divina, soprattutto in questo favorevole periodo di festa.

Leggi di più

Nell’Induismo, Bhuvaneshwari è la divinità della Terra e noi, nel nostro Ashram, rispettiamo e adoriamo quest’aspetto della Madre Divina. Perché consideriamo questa Terra come la Madre Divina stessa. Prendetela come esempio. Lei è così gentile, paziente e tollerante verso gli esseri umani. Facciamo tutti i tipi di sciocchezze sul suo bel corpo: questa grande Terra.

Leggi di più

Swamiji ha dato molti Satsang sulla necessità di avere un Guru, se vogliamo progredire bene nel cammino spirituale, sulla relazione guru-discepolo, come possiamo trarre benefici dal avere un maestro spirituale, e consigli su come festeggiare Guru Purnima. Ecco alcune delle sue preziose parole.

“Guru Purnima è il giorno in cui si commemorano santi, saggi, avatar e maestri spirituali che ci guidano sul sentiero spirituale e che nascono su questa terra dal tempo in cui il mondo fu creato.

Leggi di più

Guru Purnima viene celebrato nello Sri Premananda Ashram in India, nei Centri Sri Premananda, dai Gruppi e Gruppi Giovani in tutto il mondo.

In genere, in occasione del Guru Purnima, eseguiamo una pada puja, l’adorazione dei piedi di un santo o dei suoi sandali tradizionali, chiamati paduka. Resta inteso nella tradizione spirituale orientale che i piedi del saggio sono venerati come simboli della divinità. Viene anche presentato al Guru un vassoio di offerte tradizionali a base di frutta, soldi, fiori e – in particolare per Guru Purnima – un completo di vestiti.

Leggi di più

– Che cosa è Navaratri?
– Durga, Lakshmi, Saraswati
– Procedura della Durga Puja

Ogni anno nello Sri Premananda Ashram, si celebra una festa in cui adoriamo l’aspetto femminile o materno del Divino. Questa ricorrenza è nota come, “Navaratri”, che significa nove notti. Durante questa festa, nello Sri Premananda Ashram, i devoti prendono parte a un antico rituale dedicato alla Madre Divina chiamato abhishekam; anche se, nell’Ashram questa cerimonia è eseguita ogni sera dell’anno, in questo periodo, è considerata particolarmente potente. Le sono offerti fiori freschi e ingredienti puri come curcuma, latte e acqua di rose, mentre sono cantati sacri mantra. Navaratri è considerato un momento molto propizio, in cui ogni personale sadhana può essere rafforzata e approfondita. A Swamiji piaceva particolarmente, celebrare questa festa per adorare la Madre Divina.

Leggi di più

Sri Premananda Ashram © 2017. All Rights Reserved